Challah (la brioche newyorkese)

E’ un po’ che devo scrivere questo post, che è stato un esperimento riuscitissimo.

Volevo qualcosa di speciale per un brunch con i miei amici, avevo preparato questa Challah che è tipo pan brioche da usare poi come base per il french toast. E oltre a questa ricetta, avevo preparato una montagna di altre cose…..ma, ovvio che c’è un ma…….ma dopo aver cucinato tutto il sabato, la domenica mattina, che succede? Succede che mi ritrovo con nanetto ammalato e quindi ho rinviato tutto! E quindi mi è toccato surgelare tutto!!!

DSC_0711

Parliamo di questo esperimento: la Challah è un pane più o meno dolce che solitamente viene mangiato a colazione e dal nome potete intuire che è una ricetta ebrea. E vi devo dire che è buonissimo!!! Io l’ho mangiato così, in versione french toast (raccomandatissimo!!!) ma anche con della semplice e super calorica nocciolata ed è uno spettacolo!!!

Ma veniamo alla ricetta.

Ingredienti secchi:

  • 575 gr di farina 00
  • 1 bustina da 5 gr di lievito secco istantaneo
  • 55 gr di zucchero (ma se lo volete più dolce potete anche mettere 100 gr)
  • 1 cucchiaino di sale

Ingredienti umidi:

  • 140 ml di acqua tiepida
  • 2 uova medie
  • 2 tuorli
  • 40 ml di olio di oliva

Ingredienti per la finitura:

  • 1 cucchiaio di albume
  • 1 cucchiaino di zucchero

In una ciotola capiente mescolate gli ingredienti secchi. in un’altra ciotola mescolate gli ingredienti umidi. Unite gli ingredienti umidi a quelli secchi e lavorate l’impasto per circa 10 minuti con la planetaria (o 15-20 minuti a mano) fino ad ottenere un impasto elastico. Formate una palla e mettetela in una ciotola pulita e unto con un po’ d’olio e coprite con un po’ di pellicola. Lasciate lievitare l’impasto per circa un’ora e mezza (o finché raddoppia di volume) dentro al forno spento ma con luce accesa (se il forno è occupato, mettete la ciotola con l’impasto li vicino).

Quando l’impasto è pronto, suddividete l’impasto in 6 porzioni uguali (io le ho pesate) e con ogni porzione formate dei salsicciotti più o meno uguali lunghi circa 30 cm. Posizionateli sopra una teglia coperta con della carta da forno (o un tappetino in silicone come avevo io)

DSC_0695

 

Unite le estremità dei salsicciotti in questa maniera:

DSC_0696

E poi cominciate ad intrecciare i salsicciotti: pensate che ogni salsicciotto sia caratterizzato da una lettera quindi partendo dall’alto in senso orario abbiamo a. b. c. d. e. ed f. Ora prendete il salsicciotto a., che è il primo in senso orario e portatelo sopra f. (ovvero l’ultimo salsicciotto)

DSC_0697

E poi prendete f. e portatelo sopra b.

DSC_0698

 

A questo punto riprendete a. e spostatelo al centro tra c. e d.

DSC_0699

 

Ora spostate b. sopra e. e f. va al centro tra c. e a.

E si va avanti così spostando quelli più esterni dall’altra parte e poi in centro. Alla fine otterrete una treccia

DSC_0702

 

Cospargete la treccia di farina, copritela con la pellicola e fatela lievitare per almeno un’ora, finché avrà raddoppiato di nuovo il suo volume. A questo punto spennellate la treccia con l’albume mescolato con lo zucchero ed infornate a forno già caldo a 180° per 20-25 minuti.

DSC_0703

DSC_0709

la Challah è pronta quando è ben dorata e sentirete un profumo dolce ed invitante di pane!!!!

DSC_0710

 

Che vi sembra? non è forse invitante?!

Ma da dove mi è arrivata l’idea della Challah? ma dal bellissimo libro che ho ricevuto in regalo dalla mother e dalla sister, ovvero “New York ricette di culto” di Marc Grossman, che fa sempre libri strepitosi!

Mi sembrava tra l’altro la ricetta giusta per prendere parte alla bellissima iniziativa di Letizia, ed infatti con questa ricetta partecipo al contest “Un anno di colazioni: i Dolci Lievitati” di Letizia in Cucina in collaborazione con FIMOra.

Immagine1

 

 

 

 

Annunci

13 pensieri su “Challah (la brioche newyorkese)

    • Grazie Barbara! Intanto crepi il lupo! comunque io ho cominciato qualche mese fa a fare il pane e anch’io all’inizio ero scettica, ma pian piano ha cominciato a riuscirmi. Certo non faccio cose complicate con il lievito madre o il “lievitino” (non ho ancora capito bene come funzionano!!!), ma di solito con il lievito di birra bene o male qualcosa lievita ;-). Grazie per essere passata, un abbraccio!

  1. Brava, anche io adoro fare colazione con un morbido pane briosciato, ancora meglio se fatto a mano come questo! E complimenti per la pazienza nel fare la treccia così complicata 🙂 Io per pigrizia mi sarei limitata a fare una classica treccia a tre 😉

    • Ahahahaha Alessia, devo confessare che mi sono buttata su questa complicatissima treccia (che avrò fatto tipo almeno 3 volte, perché a metà non capivo più niente!) solo perché lo prevedeva la ricetta!!! Però devo dire che alla fine mi ha dato anche parecchia soddisfazione! Grazie per essere passata a trovarmi! A presto

  2. Bravissima genny, io non ho mai provato a farla con il lievito istantaneo…Sembra bellissima!!!
    partecipo anch’io a questo contest 🙂 ………il mio primo esperimento con il lievito madre!!!
    (in attesa di istruirci per bene…non vedo l’ora!!!)

    • Ciao! Grazie per il post! Mi ha dato da ovvero soddisfazione farla, soprattutto quando da quei pochi semplici ingredienti ti viene una cosa così!! 😀 Sono stata a vedere il vostro blog e ci devo fare i complimenti perche è proprio bello! Una volta voglio provare a fare i croissant anch’io!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...